Caffè: davvero vuoi che I tuoi clienti se ne vadano con “l’amaro in bocca”?

Trasformare il caffè in una risorsa è possibile anche se hai un locale o un ristorante. Pur non avendo un bar o una caffetteria puoi utilizzare il caffè come leva per fidelizzare i clienti, per stupirli o semplicemente, per lasciarli andare con un piacevole senso di compiacimento.
Nella moderna ristorazione dobbiamo far in modo che I clienti trovino soddisfazione e appagamento in tutto ciò che consumano. Anche il caffè che, in molti casi, viene sottovalutato o assolutamente trascurato nei locali after dinnig o nei ristoranti, deve trovare un suo posto dignitoso.
Questo ci consentirà di massimizzare la soddisfazione dei nostri clienti e al contempo migliorare lo scontrino finale.

Quando il Caffè proprio non ce la fa…

Vi racconto questo aneddoto che riguarda il caffè. Penso, in realtà, che sia capitato a tutti voi in qualche occasione.
Ero fuori a pranzo con amici, una delle rare volte che riesco a staccarmi dal locale e puntualmente arriva il momento a fine pasto del caffè. Li prepara un ragazzetto evidentemente non proprio confident con la macchina del caffè e ce li porta al tavolo trafelato. Ora, di otto caffè arrivati al tavolo solo due persone sono riuscite a finirlo. Il prodotto era amaro, poco profumato e in generale non gradevole. La maggior parte dei miei amici era rassegnato, già sapeva di non poter pretendere un caffè decente, altri invece erano abbastanza perplessi. Frasi del tipo “peccato non abbiamo mangiato male, il caffè però è davvero imbevibile” oppure “Dai, ma si può ho capito che non è un bar, ma almeno bevibile con lo zucchero”.
Dal canto mio, mi sono alzato e ho chiesto che me lo rifacessero (magari pulendo un po’ la macchina). Ovviamente, essendo a bancone, il barista mi ha chiesto come fosse il secondo. Alla mia laconica risposta “meglio del primo”, si è scusato “del resto non siamo un bar”. Ecco, questo è il punto, non sei un bar, non è sui caffè che guadagni, ma è sui caffè che puoi fare marketing.
Ora, la positiva immagine che il locale aveva fino a quel momento era stata drammaticamente intaccata da chi a quel caffè ci teneva davvero.

Ci serve una tazzina di qualità che si faccia ricordare e che ci faccia ricordare.

Anche nella ristorazione abbiamo bisogno di un caffè di qualità che renda memorabile l’ultimo momento dei nostri commensali nel nostro locale.
Non possiamo lasciare che se ne vadano con l’amaro in bocca e, soprattutto, non possiamo perdere l’occasione di guadagnare anche da quell’ultima ordinazione.
Assolutamente dobbiamo evitare che l’ultima sensazione provata dai nostri clienti nel nostro locale sia quella di disgusto.

Allora cosa ci serve, direte voi. Beh, per prima cosa del personale che il caffè lo sappia fare. Secondariamente una cura meticolosa agli strumenti e alla preparazione. Infine, una o più miscele di caffè di alta qualità da produttori in gamba.
Grazie a questo potremo dare opzioni diverse, accontentare chi vuole un caffè più forte o più aromatico e magari agganciare qualche extra alla tazzina che serviamo, permettendoci di alzare un po’ lo scontrino e massimizzare il piacere del cliente. Una situazione, insomma, in cui vincono tutti.

Per farvi un esempio concreto, su HowIt.farm potete trovare il Caffè Barbarossa, piccola torrefazione Bolognese che ci propone miscele esclusivamente da Arabica Specialty e da Fine Robusta le quali, sapientemente torrefatte, regalano in tazzina un’esperienza meravigliosa.
Poiché il concetto principale è quello dell’Esperienza, la definizione ufficiale di “qualità” risulterebbe limitata.
È dunque più appropriato parlare di “Grado di Eccellenza”, conferito da aromi, sapori, crema e corpo, che espressi in armonia determinano per caffè Barbarossa lo “Stato dell’Arte“. Non è quindi solo produzione, è anche cultura del caffè ed è proprio questo che stiamo cercando per il nostro locale. Uno strumento che ci aiuti a creare quel senso di completezza e stupore a fine pasto.

In sintesi, e per concludere, stupire I nostri clienti con un finale con il botto, significa non solo giustificare quei pochi centesimi in più che una miscela di qualità ci richiede, ma introdurre uno dei più potenti strumenti di marketing a nostra disposizione.
Possiamo così permetterci di far pagare un poco di più la nostra tazzina, trasformando un mero servizio in una risorsa importante.

Quindi, se anche tu sei riuscito ad immaginare I tuoi clienti felici di tornare da te anche per il tuo caffè e se vuoi trovare altri strumenti e prodotti per stupire I tuoi clienti. Ti aspettiamo su HowIt.FArm, lo shop che ti propone I piccoli, grandi produttori italiani di eccellenze, tutte dedicate al mondo della ristorazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.